mercoledì 16 febbraio 2011

Hooligans al volante

 
Qualche giorno fa di ritorno dalla piscina vediamo il bus della STIB appropinquarsi. Essendo a pochi metri dalla fermata gli facciamo segno e ci affrettiamo. L'autobus è vuoto. Quello ci guarda e tira dritto. Due giorni dopo la scena si ripete al capolinea del 63. Ci avviciniamo, quando stiamo per salire le porte porte si chiudono ed il bus parte.

C'è molto da lamertarsi dei conduttori di bus e metro brussellesi. Capita non di rado di vedersi sballottatti da una parte all'altra del vagone per effetto di una frenata brusca ed ingiustificata. Una volta uno di questi chiuse le porte e ripartí quando più della  metà dei passeggeri in attesa non aveva fatto ancora a tempo a salire.
Per non parlare dei conduttori degli autobus. Accellerazioni eccessive, frenate improvvise e curve spericolate sono all'ordine del giorno.

Ieri Bruxelles è stata bloccata da uno sciopero selvaggio ed improvviso dei conducenti STIB. La giornata é trascorsa senza tram, bus e metro con traffico letteralmente impazzito. Il motivo della protesta è stata l'aggressione subita da uno di loro la sera prima alla fermata Roi Baudouin. Nel video peró, secondo la radio, si vedrebbe il conducente colpire per primo il passeggero che a fine corsa gli si era avvicinato.

Il problema delle aggressioni in quel pezzo di metro è serio (vedi Un episodio increscioso). I sindacati chiedono alla Stib provvedimenti urgenti ed investimenti in sicurezza. Ma al tempo stesso oppongono resistenza al tentativo dell'azienda di esternalizzare i servizi di vigilanza, il che ridurrebbe tempi e costi.

Se il trattamento riservato ai passeggeri  è questo servono a poco le campagne volte a ridurre l'uso dell'auto.

8 commenti:

  1. quando a madrid c'è stato lo sciopero della metro la città è rimasta in ginocchio!ma io appoggio questo diritto allo sciopero (nonostante ci misi 2 ore 1/2 per arrivare a lavoro!)

    RispondiElimina
  2. Ma pure io, ci mancherebbe. Solo che in questo caso avrebbero potuto uno, attendere un attimo per sapere come erano andate realmente le cose, due, magari dare un dovuto preavviso.

    RispondiElimina
  3. cacchio non sapevo, torno oggi da 5 giorni di vacanze e proprio in aereo leggevo un pezzo de "Les Barons" in cui il protagonista inizia a guidare l'autobus della STIB e parla dell'inselvaggiamento delle persone al volante, poi torno e leggo questo post!

    RispondiElimina
  4. Quelli dublinesi non menano i passeggeri ma siamo li'.
    I bus dico.
    Hai due categorie:
    1- il provetto schumacher. Curva a rasoio, sottosterzo, sovrasterzo, frenata brusca alla fermata. Qualcuno ha sradicato le pensiline.
    2- La tartaruga che sta per andare in letargo. Lui si e' appena svegliato, e veniamo sorpassati da un bambino in triciclo.

    Finalmente (dopo 10 anni) si son decisi a togliere le (cazzo di) monetine e a mettere tabelle di autobus con sistema a gps ed sms http://www.transportforireland.ie/

    Sempre con estremo ritardo...paleomoderni!!!

    RispondiElimina
  5. @Andima,
    Devo dire che Les Barons è una fonte d'ispirazione validissima per comprendere la 'cultura' degli autisti brussellesi.

    @bacco,
    Qui prevale decisamente la prima categoria. Anche a Bruxelles stanno provando a modernizzare un po' i trasporti. Diciamo che il sistema è buono nel complesso ma con evidenti difetti.

    RispondiElimina
  6. Tutto il mondo è paese, anche qui ci sono i pazzi da manicomio oppure gli autisti lumaca.

    Riguardo al problema sicurezza invece, quello è tutto un altro discorso.
    Da lontano mi fa piacere vedere che i conduttori sono compatti e che i sindacati siano forti, però se ho capito bene non ci sono proposte concrete e ci si oppone quando si vuole appaltare a terzi la sicurezza.

    E quindi che succede? la situazione resta immobile?

    RispondiElimina
  7. Niente, si negozia. Come sempre :)

    RispondiElimina
  8. si negozia per ottenere, non per peggiorare la situazione :D

    I sindacati in belgio sono come la cigl o sono seri?

    RispondiElimina